Lazio, rialzati e combatti

© foto www.imagephotoagency.it

È un momento difficile per tanti motivi quello che sta passando la Lazio. Partenza sprint, arrivo col fiato corto. È un film già assaporato dalle parti di Formello, un film che nessuno vorrebbe rivedere. Gli indizi non sono molto positivi, le somiglianze con le scorse stagioni sono molte: rosa corta, riserve non all’altezza e tanti, tantissimi infortuni. Al contrario degli ultimi due anni, però, la Lazio è però in corsa su tutte e tre le competizioni: campionato, Europa League e coppa Italia. Una stagione dunque positiva, ma che porta comunque via energie importanti. 

 
Il calo è fisiologico, inevitabile. Petkovic doveva aspettarselo, fino a Gennaio hanno giocato sempre gli stessi, nell’ultimo mese e mezzo i titolari hanno rifiatato. Le riserve scalpitano, ma tolti Ederson e Onazi, che se stanno bene possono dare una grossa mano, gli altri non sembrano all’altezza della situazione. Poi c’è la situazione infortuni: Mauri dovrebbe tornare domenica contro la Fiorentina, Klose ne avrà ancora per un mese circa e Konko non si rivedrà prima di 40 giorni, senza dimenticare Brocchi che punta di essere al top per il ritiro di questa estate. La Lazio nonostante questo è viva, Petkovic l’ha caricata in settimana, l’ha spronata in vista delle prossime gare. È un momento fondamentale della stagione, c’è bisogno di rialzarsi e combattere. Due parole che sono nel DNA della Lazio e dei suoi tifosi. E allora vai cara vecchia Lazio, rialzati e combatti!
Condividi
Articolo precedente
Liverani: “Non credo che la Lazio abbia la forza per arrivare terza”
Prossimo articolo
Lulic convocato in nazionale