Lazio, pronta la rivoluzione: dal mercato in entrata a quello in uscita, ecco la situazione in casa biancoceleste

© foto www.imagephotoagency.it

La stagione non è ancora finita, il campo deve ancora dare i suoi verdetti. Tutto è ancora in ballo. Tutto è ancora da decidere, la Lazio deve concludere bene un campionato travagliato ed ha una finale di Coppa Italia lì, più vicina che mai, ad un solo mese di distanza. Partendo dal presupposto che Petkovic rimarrà alla Lazio, come ci rivelò tempo fa l’amico-agente Flavio Ferraria, c’è chi dice che avverrà una mini-rivoluzione. Alcuni giocatori over-30 sarebbero pronti a lasciare, altri (più giovani) pronti ad arrivare a Formello. Dopo Brayan Perea, che rimane tutt’ora l’unico acquisto per il prossimo mercato, Lotito e Tare hanno promesso di migliorare la rosa con acquisti di qualità.

PORTIERISu Marchetti ci sono gli occhi di mezza Europa, Arsenal e Inter su tutti, ma, a meno di offerte folli, il portierone di Bassano del Grappa continuerà la sua esperienza nella Capitale. Con Carrizo approdato già all’Inter, rimane incerto il futuro di Albano Bizzarri. L’ex estremo difensore del Catania ha il contratto in scadenza e potrebbe anche non rinnovare per poter approdare in una squadra che gli permetterebbe un posto da titolare. A quel punto potrebbe arrivare un nuovo portiere, magari giovane, senza dimenticare però Alessandro Berardi che, dopo l’esperienza all’Hellas, è pronto a far ritorno nella Capitale almeno come terzo portiere.

DIFENSORI – Quello difensivo sarà presumibilmente il reparto più colpito dalla “rifondazione”. Andiamo per gradi. Biava, Cana (che ormai è considerato un centrale difensivo), Radu, Konko e Ciani sono sicuri di restare. Addio certo per Diakitè, Cavanda e Stankevicius, mentre è tutta da decifrare la situazione legata ad Andrè Dias. Il centrale brasiliano è ricercato da molte squadre del suo paese e non disdegnerebbe di tornare in patria, ma almeno per un’altra stagione la sua casa dovrebbe continuare a essere Roma. Per quanto riguarda il mercato in entrata, Petkovic avrebbe bisogno di due terzini e un centrale difensivo di livello. Nelle ultime ore si è fatto il nome di Hysaj, giovane terzino dell’Empoli.

CENTROCAMPO – Nella prima parte di stagione il centrocampo è stato il punto di forza della formazione di Petkovic. Ledesma, Ederson, Onazi, Candreva, Lulic, Mauri e Pereirinha sono intoccabili. Hernanes è ricercato da mezza Europa e se dovesse arrivare una grande offerta sui 25-30 milioni, saluterà la Capitale. Tare vuole chiudere al più presto per Felipe Anderson e sta seguendo Granit Xhaka, talento del Borussia Moenchengladbach. Piacciono il talentino Bellomo e c’è il sogno Draxler. Ma ripetiamo: tutto gira intorno al profeta Hernanes. Con un bel gruzzoletto in tasca tutto sarebbe più facile e gli acquisti più onerosi.

ATTACCO – Dovrebbe finalmente dire addio Mauro Zarate, a patto che Lotito abbassi le pretese economiche. Già preso Brayan Perea, si cercherà un attaccante di livello da affiancare a Miroslav Klose. Molto dipenderà dal modulo che avrà in mente di adottare Petkovic, fatto sta che l’attaccante tedesco e Floccari sono gli unici sicuri di rimanere a Roma. E’ infatti da definire la questione legata a Libor Kozak: i 10 gol in Europa League hanno attirato su di sè gli occhi di alcuni club europei. Lotito punta sul ragazzo, ma forse è arrivata la volta buona per un addio. C’è infine Louis Saha, che in questi mesi non ha mai lasciato il segno e che a meno di miracoli nelle ultime giornate, non resterà nella capitale. L’ultimo nome è Bacca del Bruges, ma la società è abbottonatissima e lavora sotto-traccia: si cerca un grande nome.

Condividi
Articolo precedente
Domani alle 10 la conferenza stampa di Petkovic
Prossimo articolo
“Memorial Simone Di Giacomo”, altre vecchie glorie biancocelesti in campo