ESCLUSIVA – Lazio, senti Perea: “Sono pronto per questa nuova sfida! Klose è il mio giocatore preferito…”

© foto www.imagephotoagency.it

La compagine biancoceleste sta disputando una buona stagione, ma se il prossimo anno si vuole puntare a traguardi prestigiosi, c’è bisogno di nuovi elementi che vadano a rinforzare la rosa a disposizione di mister Petkovic. Il primo acquisto della Lazio versione 2013-2014 è già stato messo a segno lo scorso mese di gennaio. Si tratta di Brayan Andreas Perea, attaccante colombiano classe 1993 cresciuto nel Deportivo Cali. Il costo dell’operazione si aggira intorno ai 2 milioni di euro e il giocatore sbarcherà a luglio nella Capitale. La Lazio ha bruciato la concorrenza di Arsenal e Udinese, e in pochi giorni ha trovato un accordo con il club sudamericano. Perea è una prima punta e nonostante il suo fisico notevole (è alto 190 cm) possiede una grande tecnica, che gli permette di giocare come attaccante centrale, ma di svariare anche su tutto il fronte offensivo. Nel Deportivo Cali è stato spesso utilizzato in un 4-3-3 come attaccante esterno, mentre nella Nazionale Under-20 della Colombia si è mosso da unico terminale offensivo. Con la maglia del Deportivo in due anni ha collezionato 46 presenze e realizzato 9 gol. Adesso però Perea è pronto per il grande salto, come ha rivelato in esclusiva ai microfoni di Lazionews24.com: “Sono veramente felice di sapere che vado in un grande club come la Lazio – esordisce Perea -. Sto già seguendo le partite dei miei nuovi compagni e ho visto che stanno disputando una grande stagione”. In questi ultimi mesi, nonostante il passaggio alla Lazio sia già stato definito, con le sue ottime prestazioni ha continuato a dare un grosso contributo al Deportivo Cali: “Grazie a Dio le cose con il Deportivo stanno andando veramente bene”.

LA SCELTA DELLA VITA – Tra circa tre mesi Perea partirà alla volta di Roma e inizierà ufficialmente questa nuova avventura. Non è facile per un ragazzo di vent’anni stare lontano dalla propria famiglia e dai propri amici: “Non sono mai stato in Italia, ma ho scelto la Lazio perché è un grande club”. Quest’anno la vera sorpresa in casa biancoceleste si chiama Vladimir Petkovic. L’allenatore di origini bosniache ha già dimostrato in diverse occasioni di puntare molto sui giovani: “Questo mi fa piacere, ma non ho ancora avuto l’opportunità di parlare con il mister”. Perea segue il campionato italiano da diversi anni e ha già individuato il giocatore più forte: “Il mio punto di riferimento è sicuramente Miroslav Klose. E’ un grande calciatore!”.

FAMIGLIA, RISO E SALSA – Ma nella vita di Brayan non esiste solo il calcio, è un ragazzo semplice che ama trascorrere il tempo libero con la sua famiglia e suoi amici. “La mia giornata tipo mi piace trascorrerla a casa con tutta la mia famiglia”. Poi parla anche dei suoi gusti culinari: “Il mio piatto preferito è il riso con una buona dose di stufato di manzo”. Con la musica invece non ci sono dubbi: “Mi piace molto la salsa”. El Coco, cosi soprannominato in patria, ha le idee chiare nonostante la giovane età, anche perché nella sua vita c’è una persona in particolare che gli dà la carica giusta: “Mia madre mi ha sempre sostenuto e aiutato, quindi io mi ispiro a lei”. E’ inutile negarlo, qualcosa nei prossimi mesi cambierà: c’è la Lazio all’orizzonte e i tifosi biancocelesti sono pronti ad accoglierlo a braccia aperte: “La verità è che nella vita devi sempre essere preparato e io sono pronto per questa nuova sfida”. La tradizione per i calciatori colombiani in Italia è stata sempre positiva (vedi Cordoba, Guarin e tanti altri), ma Perea resta con i piedi per terra: “Si è vero! Però io sono giovane e ho ancora molte cose da imparare”. Potenza, classe e umiltà: questo è Brayan Perea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è consentita solo previa citazione della fonte Lazionews24.com. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

Condividi
Articolo precedente
Dott. Bianchini: “Stiramento per Lulic. Dias domani torna in gruppo”
Prossimo articolo
Giudice Sportivo, 30 mila euro di multa e un turno a Cana