Derby, i commercianti si arrabbiano. Roscioli: “Costretti a chiudere le serrande”

© foto www.imagephotoagency.it

Non è stato un derby della Capitale facile dal punto di vista dell’ordine pubblico. Fin dal pomeriggio si sono registrati scontri nei pressi dello stadio olimpico e oggi tra l’altro è arrivato pure il Daspo per 4 tifosi. Il presidente della Confcommercio di Roma Giuseppe Roscioli ha parlato all’Ansa a nome di tutti i commercianti che si sono ritrovati tutti quei parapiglia nella loro zona di competenza: “Gli episodi di violenza avvenuti ieri durante il Derby non danno una bella immagine di Roma. Molti commercianti ad esempio sono stati obbligati per via degli scontri ad abbassare le saracinesche dei negozi. Non si può impedire, infatti, ai negozianti di svolgere tranquillamente il proprio lavoro per paura di violenze totalmente gratuite e senza senso, tutto questo non è possibile per una semplice partita di calcio, qui c’è di mezzo la professione di moltissime persone”.

Condividi
Articolo precedente
Le decisioni del Giudice Sportivo: un turno a Biava, Radu e Lulic
Prossimo articolo
ESCLUSIVA – I complimenti di Hitzfeld a Petkovic: “E’ un grande allenatore, per me non è una sorpresa”. Poi su Xhaka…