De Martino: “Vogliamo salvare l’anima della Lazio…”

© foto www.imagephotoagency.it

La Lazio è stata presa di mira dalla UEFA, tenuta sott’occhio, con la lente d’ingrandimento. Dopo i due turni a porte chiuse e la multa di 40mila euro, ieri sera all’Olimpico si sono visti episodi spiacevoli, con alcuni giornalisti impossibilitati addirittura ad entrare nell’impianto. Per salvaguardare l’immagine e l’anima della Lazio, il capo ufficio stampa della S.S. Lazio Stefano De Martino a Radio Manà Sport, è intervenuto durante la trasmissione ‘La Lazio siamo noi’, condotta da Francesco Scarcelli: “Si è concretizzata l’idea di realizzare un gruppo permanente di lavoro che abbia il compito di stigmatizzare chiunque dica menzogne sul più che centenario club romano. In questi giorni si è assistito al miserando spettacolo di alcuni gruppi che hanno voluto trascinare la Lazio nel gordo di accuse assolutamente infondate. Molti tifosi della Lazio, secondo queste ingiurie, sarebbero razzisti e nazisti. Queste contumelie si sono diffuse e hanno trascinato la squadra su un assurdo banco degli imputati. Da questo contesto sono nate le punizioni, il Comitato di Salute Pubblica potrà e dovrà ristabilire la verità al di là di ogni dubbio. D’altro canto, la S.S. Lazio è nata nel 1900 con lo specifico compito di innalzare le coscienze di chiunque si avvicini all’operato di questa polisportiva, sia nel passato che nel presente”. E’ un De Martino carico, volitivo, che poi ha aggiunto: “Bisogna difendere la storia e la dignità della Lazio, c’è la volontà di crescere nonostante le possibilità che abbiamo a disposizione. Bisogna aprire un confronto con l’Uefa per capire certe dinamiche che sono poco chiare. La Lazio ha scontato la massima pena, il ricorso non è stato accettato. C’è troppo accanimento contro i nostri colori. Ieri sera sono stato allontanato ma vi posso assicurare che i miei atteggiamenti non sono stati violenti e per questo, non ci saranno ulteriori conseguenze a discapito della squadra. Voglio che le bandiere biancoazzurre tornino a sventolare sui nostri balconi”.

Condividi
Articolo precedente
Formello – Ripresa a ritmi blandi… Tutto ok per Marchetti, Dias out
Prossimo articolo
Floccari in dubbio per Torino: “Spero di farcela”