Corsa Champions: l’Inter aggancia la Lazio, accorcia anche la Fiorentina

© foto www.imagephotoagency.it

E’ un campionato al cardiopalma. Ma soprattutto è un campionato ancora apertissimo, dove nulla è ancora definito in modo netto a causa dei ribaltamenti continui e della corsa frenetica alle posizioni che contano. La 27^ giornata di serie A si apre con il pareggio della Juventus a Napoli, che non fa che mantenere il gap di 6 punti tra le due compagini in lotta per lo scudetto. Grande rimpianto in casa Lazio: non fosse per i punti persi con Chievo, Palermo, Genoa e Siena i biancocelesti potevano benissimo allungare sui partenopei ed avvicinarsi alla Juventus. Sfortunatamente il mercato di gennaio non apportava migliorie in termini tecnico-qualitativi, pertanto il calo si poteva prevedere. La squadra di Petkovic compiva ieri l’ennesimo suicidio, precisamente contro il Milan nel big match di San Siro. Un 3 a 0 pesante che fa male al morale e alla classifica perchè la Lazio oltre a subire il sorpasso per opera del Milan, viene agganciata dall’Inter, uscita oggi vincente dalla trasferta del Massimino. Stupisce la reazione dei neroazzurri che, sotto di due reti sembravano andare incontro alla settima sconfitta nelle ultime 8 gare. Ma avere un Palacio straripante conta e non poco per l’Inter di Stramaccioni che conquista la quarta posizione, in coabitazione con i biancocelesti. Questi ultimi da oggi devono aggiungere nel loro consuntivo il “pericolo viola”: vincendo contro il Chievo la Fiorentina si porta infatti a sole due lunghezze dalla Lazio. Di conseguenza il match dell’Olimpico di domenica prossima diventa incredibilmente uno scontro diretto per restare appigliati alle prime posizioni “elitarie” e per evitare il disturbo che Catania, Roma e Udinese possono arrecare alle contendenti più titolate. Non a caso le compagini di Maran e di Guidolin, dati gli obiettivi iniziali commisurati alla loro situazione budgetaria, hanno ben poco da perdere e tutto da guadagnare. La Roma, proclamatasi squadra scudetto può quantomeno salvare la stagione conquistando la Coppa Italia per guadagnarsi un posto in Europa League, o mettendo pressione al Campionato per la zona Champions. La Lazio detiene dunque un portafoglio diversificato del rischio. Deve decisamente saperlo gestire al meglio.

Condividi
Articolo precedente
Gascoigne: “Ho rischiato di morire. Ora sento di poter sconfiggere l’alcool”
Prossimo articolo
Stoccarda, Harnik: “Contro la Lazio preferirei un pareggio o vincere per..”