Cèsar si racconta “Voglio una Lazio che non si arrenda,proprio come me…”

© foto www.imagephotoagency.it

Cèsar Aparecido Rodriguez,meglio noto solo come Cesar,nella giornata di oggi è intervenuto sui 100.7 di Lazio Style Radio,ritornando sulla sua avventura nella S.S.Lazio,società con la quale annovera 86 presenze condite da 13 gol dal 2001 al 2006.In particolare “Cesaretto” ritorna sulle difficoltà di adattamento nel primo periodo in biancoceleste,poi superate brillantemente “Mi ricordo che dissi che non sarei andato via finchè non fossi riuscito a dimostrare il mio valore . Passare e andare via perchè non ero riuscito ad adattarmi sarebbe stato troppo banale per me.”L‘ex centrocampista brasiliano poi si sofferma sul derby del 6 Gennaio 2005 vinto 3-1 con le reti di Di Canio Rocchi e appunto Cèsar “Quel derby è stato abbastanza difficile,eravamo in netta difficoltà,le situazioni societarie non erano chiare,però io e tanti altri sapevamo l’importanza del derby.Si vedeva la voglia,la determinazione che ci abbiamo messo,una volta sceso in campo dai il massimo e non pensi ad altro.”Poi un aneddoto sempre legato a quel derby”Nella settimana precedente sentimmo la colonna sonora del film Braveheart e ci concentrammo per ottenere il massimo.”Infine una battuta sulla gara di stasera che vedrà la sua Lazio impegnata sul difficile campo del Borussia M’Gladbach”La partita di stasera è importantissima.Se la squadra vuole andare avanti in Europa League deve continuare a fare quello che ha fatto fino ad ora.Il mister farà le sue scelte,ma chiunque scenderà in campo dovrà dare il massimo per continuare il cammino in coppa”. 

Condividi
Articolo precedente
FOCUS – La parabola di Floccari: da quinta scelta a…
Prossimo articolo
Cagliari-Roma si rigioca?