Cavanda: La Lazio non molla, reintegro solo in caso di scuse e firma

© foto www.imagephotoagency.it

Cavanda – Lazio, la saga continua. Dopo che media e tifosi hanno pressato la dirigenza laziale con domande riguardanti il reintegro del giocatore belga, questa mattina, attraverso le pagine del Corriere dello Sport, si conosce la sentenza definitiva sul futuro del terzino biancoceleste. O il n.39 cambia atteggiamento chiedendo scusa e firmando il rinnovo contrattuale oppure sarà divorzio sicuro continuando gli allenamenti da separato in casa . Il presidente Lotito non torna indietro neanche di un centimetro dalla linea dura imboccata nella ultime settimane. La società non ci sta, si sente tradita da un giocatore sempre trattato con i guanti bianchi dallo staff nonostante sono molteplici le occasioni mancate da Cavanda per sbocciare definitivamente. Il belga di origini angolane quest’anno, grazie alla cura Petkovic, aveva trovato gioco e continuità e proprio ora che la Lazio ne aveva bisogno ( visto l’out di Konko) ha imbrogliato una matassa difficile da sbrogliare. La società aveva gia un accordo con il vecchio procuratore del calciatore dove era stata inserita anche una clausola rescissoria, ( in caso di chiamata dall’Oltremanica visto la stima che Cavanda ha per il campionato inglese) offerta più che raguardevole secondo i vertici biancocelesti. La Lazio ha deciso, nessun passo indietro. Spetterà al terzino presentarsi da Lotito e fare mea culpa.

Condividi
Articolo precedente
Esclusiva – Pietro Nicolodi: “Stoccarda imprevedibile, ma la Lazio è superiore”
Prossimo articolo
Stoccarda-Lazio, i convocati di Petkovic